Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER VENDITORE DE PIANETI

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

È un poverello co' la barba bianca,
che va con una manica in saccoccia
pe' fa' distingue er braccio che je manca.
Gira con una scatola e una boccia
dove c'è drento un diavolo de vetro
co' du' cornette in cima a la capoccia.
Succede che la gente
passa senza fa' caso ar poverello,
ma, a vede er giocarello, torna addietro,
se ferma, s'avvicina, s'ariduna,
e tenta la fortuna.
— Signori! — dice er vecchio —
Venghino ad osservare il mio apparecchio
che agisce sotto il flusso della luna;
con il su e giù che fa nella bottiglia,
il diavolo ci legge nella vita
entrando ne l'affari di famiglia:
la zitella saprà se si marita,
la vedovella chi se la ripiglia...
Avanti, avanti, ché col mio pianeta,
oltre d'averci in mano l'avvenire,
guadagneranno cento mila lire
con una piccolissima moneta! —
Impedito com'è, mezzo sciancato,
com'ha da fa'? S'ingegna, poveraccio!
Una vorta je chiesi: — E com'è stato
ch'avete perso er braccio?
— Fu ner cinquantanove, a Solferino.
— me rispose er vecchietto — Fu in quell'anno!
Me buggerò un tedesco. Era destino.
Che belli tempi! — disse sospiranno —
Eh! queli tempi, caro signorino,
nun torneranno più, nun torneranno!
Pe' via ch'allora la bandiera nostra
nun era carcolata come adesso
a una pezza attaccata in un bastone,
ch'è car'e grazzia se je vanno appresso
ne la dimostrazzione!
Pe' nojantri era tutto: era la fede,
era l'amore, l'anima, la vita,
co' la speranza de potella vede
sventolà ar sole su l'Italia unita!
L'Italia! Solamente a 'sta parola
er sangue ce bolliva ne le vene,
er core ce zompava ne la gola!
E che strazzi, che tribboli, che pene
che sapémio soffrì pe' 'st'ideale,
senza fa' tante scene
co' le sottoscrizzioni sur giornale!
Ché puro allora se viveva male,
ma, per lo meno, se moriva bene!
E in questo qui nun ciò rimorsi: ho fatto
tutto quer ch'ho potuto e so' contento;
ma le battaje der Risorgimento
pe' conto mio nun so' finite affatto!
Ciò una guerra più seria
da combatte: la fame!
Ciò un nemmico più infame: la miseria!
Pe' questo so' obbligato a fa' 'sto gioco,
buggiaranno la gente tutto er giorno...
Che ce guadagno? Poco. Troppo poco!
Senza contà che quarche pizzardone,
quanno me vede troppa gente intorno,
me fa contravenzione.
Dice: — Sei un ciarlatano!... — È indubbitabbile:
ma m'è rimasto un braccio solamente;
data la ricompensa, è perdonabbile
se me ne servo pe' fregà la gente!



Questa poesia è stata letta 1645 volte