Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

C'era una vorta un Re, ch'annava a caccia.
Un giorno, invece d'ammazzà un cignale,
spaccò la testa a un povero Majale
che se stava a sciacquà ne la mollaccia;
— Accidenti! — strillò — Me so' sbajato!
Nun è mica un cignale ch'ho ammazzato!
— Ma che sbajato! un Re nun sbaja mai!
— je disse er Maggiordomo un po' confuso —
Questo è un cignale puro sangue, e er muso
dimostra ch'è de razza bella assai!
Come pô sta' che l'occhio d'un Sovrano
nun distingua le bestie da lontano?
— E che decide? — je rispose lui —
Puro jeri, parlanno der Governo,
ho confuso er ministro de l'Interno
cór ministro dell'Esteri: per cui
pô succede benissimo che faccia
li stessi sbaji quanno vado a caccia.
— E defatti so' un Porco e je lo giuro!
— disse allora er Majale — E so purtroppo
che la palla ch'è uscita da lo schioppo
me deve avé fregato de sicuro.
Nun me pensavo mai de fa' 'sta morte
pe' l'antipasto de li pranzi a Corte!
Ma giacché ho avuto ne la mi' disgrazzia
er privileggio d'esse fucilato
da un Re e, s'intenne, a spese de lo Stato,
me permetto de chièdeje 'na grazzia...
— Parla! — je fece er Re — Ti sia concesso!
Procurerò de fattela oggi stesso. —
Dice: — Là in fonno, ne la fattoria,
sotto la grotta, drento a la montagna,
ciò lassato una povera compagna,
l'unica gioja de la vita mia!
Una Porchetta bianca, una bellezza
sacrificata in mezzo a la monnezza.
Annate là, cercate d'acchiappalla...
— Sì, — fece er Re — ma in mezzo a tante troje
come faremo a ritrovà tu' moje?
Se nun c'insegni er modo de trovalla
ce fai gironzolà pe' tutto er Regno...
— Sì: — disse er Porco — adesso ve l'insegno.
Annate appresso ar sangue che me sorte
da le ferite che m'avete fatte,
sartate cinque fossi e cinque fratte,
sfonnate cinque muri e cinque porte,
entrate ne la grotta a mano manca
e troverete la Porchetta bianca.
Se conosce lontano cento mija
perché cià ar collo un medajone antico,
dove, er giorno ch'è nata, un mago amico
je ce scrisse un segreto de famija,
un gran segreto che nun so che io...
Ce conto? Certo? Grazzie tante! Addio! —
E er Majale, co' l'occhi mezzi chiusi,
fece un sospiro tanto mai profonno
che se nun fusse annato all'antro monno
j'avrebbe detto certamente: Scusi...
Ma j'amancò la forza, e la parola
je fece un gioco d'aria ne la gola.
— Mó — disse er Maggiordomo — annamo via,
perché nun è prudente che un Sovrano,
pe' quanto democratico e a la mano,
se comprometta in una porcheria.
Dice: «Je l'ho promesso!...» E che significa?
La parola, in 'sti casi, se sacrifica!
Quante e quante ne dà ne li discorsi
de la Corona senza fanne gnente?
e, adesso, pe' 'na bestia puzzolente,
se deve fa' pijà tanti rimorsi?
No, creda: in circostanze come questa
se dà un sussidio e se fa aprì un'inchiesta.
— No, — disse er Re — nun me convinci! Io sento
quarche cosa ner core che me dice:
Vattela a pija che sarai felice,
vaitela a pija che sarai contento...
Dunque nun vojo tante osservazzioni,
cammina e nun me rompe l'illusioni. —
Era già notte. Giù da la montagna,
inargentata da la luna piena,
veniva er lagno d'una cantilena
che se spargeva in tutta la campagna:
era una voce piena de dolore
ch'entrava ne l'orecchie e annava ar core.
Succede che 'sti canti de lamento
vengheno da 'na voce immagginaria,
ma fanno male e metteno nell'aria
come 'na spece de presentimento...
Così successe a quelli e bastò questo
pe' rinfrancalli a camminà più presto.
E lì, cammina che t'aricammina,
er Re era stracco e er Maggiordomo peggio,
pe' via che er Re ciaveva un callo reggio
e er Maggiordomo un male ne la schina,
male ch'attacca all'ommini che fanno
inchini e riverenze a un tanto all'anno.
Ma c'ereno arivati, finarmente!
Ammalappena je se fece giorno
viddero er sito e subbito imboccorno
drento a la grotta coraggiosamente:
era 'na grotta bassa, scura scura,
più sporca d'una sala de pretura.
La Porchetta dormiva in un cantone,
sdrajata tra la fanga e la monnezza.
— Eccola! — disse er Re co' sicurezza —
È lei! Sì, certo! Porta er medajone...
Ce dev'esse er segreto, ce dev'esse...
Leggi! Fa' presto!... — E er Maggiordomo lesse:
«Doppo un mese che un Re m'avrà baciato
diventerò 'na donna tanto bella,
arta, bionda, benfatta e uguale a quella
che l'omo istesso se sarà ideato.
S'intenne che er Sovrano che me bacia
bisogna che sia bello e che me piacia.»
Er Re, ch'aveva visto tante donne
senza d'avé mai trovo l'ideale,
pensò: — Chissà che femmina geniale,
chissà che bella donna s'annisconne
sotto 'ste belle setole! Chissà
che bocconcino che diventerà!
Guarda che ber grugnetto! T'innamora!
Che belle mosse! Faccio la scommessa
che qua c'è sotto quarche arciduchessa:
hai voja a di', ce vedi la signora!
Abbasta, o sia signora o sia cocotte,
mó j'appiccico un bacio e bona notte!
Però j'annerò a genio? Chi lo sa? —
Er Maggiordomo je rispose: — Ah, sì!
— E indove je lo do? — Je lo dia lì...
— E se nun fusse lì? — Je lo dia là... —
Detto fatto er Sovrano s'inchinò,
se levò la corona e la baciò.
— E adesso, — disse doppo — se passasse
un Re alleato a fa' l'istesso gioco?
A quel'amichi lì ce credo poco:
eh, li conosco! È mejo a nun fidasse...
Portamola a Palazzo: è più prudente;
tanto una più una meno nun fa gnente. —
E fu così che quela stessa sera
la Porchetta entrò a Corte e fu anniscosta
in un salone preparato apposta,
che nun ve dico er lusso che nun c'era,
sotto la sorvejanza d'un gendarme
che doveva, ner caso, da' l'allarme.
Defatti, doppo un mese, er cambiamento
successe sotto l'occhi der Sovrano,
co' la svertezza d'un repubbricano
che diventa monarchico! un momento!
Se vidde un fumo rosso e scappò fòra
da l'istessa Porchetta una signora.
Quanno che er Re la vidde, per un pelo
se ne veniva meno, immagginate!
Cominciò a dije: — E dove l'hai rubbate
tante bellezze? l'hai rubbate in celo
a quarche cherubbino che dormiva
e sei scappata co' la refurtiva?
C'è un viso uguale ar tuo? no, nun me pare:
Venere sola ce l'avrà compagno;
chi t'ha filato li capelli? un ragno?
Dov'hai preso li denti? in fonno ar mare?
Certo l'hai presi lì, perché a guardalli
pareno perle in mezzo a li coralli.
La bocca rossa e fresca te riluce
come una rosa quanno la matina,
s'imperla de la guazza brillantina
sotto a li razzi de la prima luce,
e la risata è un frìccico de sole
ch'illumina li baci e le parole!
Da 'sto momento in poi sarai chiamata
la Principessa Ali de la Gaggìa,
diventerai la favorita mia
per esse riverita e rispettata,
perché la favorita der Sovrano
è 'na reggina de seconna mano.
— Ah sì? me pijerebbe come amante? —
je fece lei cambianno de colore;
poi s'ariprese e disse: — È un bell'onore
d'esse disonorata da un regnante!
Nun m'aspettavo tanto, Maestà:
nun m'aspettavo tanto, ma c'è un ma...
Nun s'aricorda più der medajone?
C'era scritto: «Er Sovrano che me bacia
bisogna che sia bello e che me piacia...»
Invece, lei, me scusi l'espressione,
cià certi baffi che me pare un gatto,
è vecchio, è brutto e nun me piace affatto.
E l'affezzione nun se mette mica
per decreto reale! Abbia pazzienza!
Ciavesse per lo meno l'apparenza...
Ma tiè 'na panza, Dio lo benedica,
ch'a abbraccicà un Sovrano come lei
de favorite ce ne vonno sei!
— Sì, — fece lui guardannose la panza
come se annasse in cerca d'un pensiero —
so' brutto, grasso e vecchio, questo è vero,
però finché c'è fiato c'è speranza:
a la più buggiarona m'arimane
la vecchia Strega de le palatane. —
'Sta Strega, ch'abbitava in un castello,
ciaveva un'erba ch'era bona a tutto:
se la magnava un omo vecchio e brutto
poteva diventà giovene e bello,
a condizzione che je procurasse
quattro cose difficile a trovasse.
— Nun m'arimane che d'annà da quella —
pensò er Sovrano; e doppo avé chiamato
Marcuccio, er servitore più fidato,
perché je sorvejasse la su' bella,
pijò la spada, caricò lo schioppo,
montò a cavallo e via de gran galoppo!
Fece cinquanta mija a brija sciorta,
dritto come una palla, e verso sera
bussò ar castello de la Fattucchiera
che fu lei stessa che j'aprì la porta;
quanno se vidde avanti er Re in persona
disse: — Che vôi da me, Sacra Corona?
Er Sovrano je fece: — Io vojo l'erba,
perché me va a faciolo una picchietta
che più la guardo e meno me dà retta,
che più l'alliscio e più diventa acerba;
tu sola pôi levamme da le pene
facenno in modo che me voja bene. —
Saputo come staveno le cose,
la Fattucchiera fece la boccaccia,
guardò per aria, spalancò le braccia,
sospirò, chiuse l'occhi e je rispose:
— L'affare butta male, ma se fai
quer che te dico je la sfangherai.
Per avé l'erba che rinforzi l'omo
prima de tutto devi fa' in maniera
de procuramme pe' domani sera
la pelle d'un ministro galantomo,
una camicia d'una donna onesta,
un gatto verde e un gallo senza cresta.
Però se perdi tempo sei perduto:
occhio a la penna! ché la Principessa
che t'interessa tanto, t'interessa,
cià l'onore attaccato co' lo sputo,
e se Dio guardi fai 'na cosa storta
ridiventa Porchetta un'antra vorta.
— Domani stesso — fece er Re — ciavrai
la pelle, la camicia, er gatto e er gallo. —
Ner dije questo rimontò a cavallo,
volò a la Reggia e, sverto più che mai,
senza da' tempo ar tempo ridunò
li ministri de Stato e je parlò:
— L'eccellenza più onesta e intemerata
arzi la mano e faccia un passo avanti. —
Li dodici ministri, tutti quanti,
fecero er passo co' la mano arzata,
cór braccio teso come fanno spesso
li scolari che chiedono un permesso.
— Bravi! — disse er Sovrano — A quanto pare
voi séte galantommini e ce credo,
ma avete da sapé che ve lo chiedo
per un piacere mio particolare:
ché er più onesto bisogna che me dia
la pelle pe' sarvà la monarchia. —
Davanti a la proposta de la pelle
ogni ministro ritirò la mano,
ridiventò sincero, e piano piano
vennero fòra tante marachelle,
ch'ognuno confessò d'avé rubbato
li sòrdi da le casse de lo Stato.
Che fece allora er Re? Fece corregge
l'articoli der Codice Penale
e stabbili ch'er furto nazzionale
fusse approvato a termini de legge.
Dato un provedimento come questo,
c'ebbe la pelle der ministro onesto.
Poi cercò la camicia. Nun ve dico
quante donne chiamò. La chiese a tante,
ma le bionde ciaveveno l'amante
e le more ciaveveno l'amico;
vojantri me direte: E le castagne?
Eh! puro quele lì... Tutte compagne!
Ma ner sentì che c'era 'na zitella
ch'era rimasta sempre su la sua,
lo disse ar Maggiordomo e tutt'e dua
la sera stessa agnedero a vedella;
se chiamava Santina e fra la gente
passava pe' 'na santa veramente.
Er Re je chiese: — Séte propio voi
la donna più onorata?... — Eh, crederei!
Ma che ve serve? — je rispose lei.
Dice: — Venite subbito co' noi
perché er Governo deve fa' un'inchiesta
su la camicia d'una donna onesta... —
Ma quella, invece, se buttò in ginocchio;
dice: — Per carità! M'ariccommanno!
Nun me spojate, nun me fate danno,
ch'io lo facevo pe' nun da' nell'occhio...
— Come? che facevate? — chiese er Re —
Che? gnente puro voi?... Povero me! —
Santina allora je spiegò l'affare;
dice: — Vedete 'st'abbito? È de nonna;
da un pezzo in qua m'ammaschero da donna
pe' sfuggì dar servizzio militare:
però so' un omo e ve lo dico io,
me chiamo Pippo, quant'è vero Dio!
— Avemo fatto fiasco un'antra vorta!
Ma chi pensava — disse er Maggiordomo —
che la donna più onesta fusse un omo?
Der resto, — dice — a noi che ce ne importa?
Se er popolo ce crede, faccia er tonto;
in certi casi torna sempre conto.
Lei, poi, che come Re manna per aria
qualunque cosa abbasta ch'arzi un deto,
lo sa che deve fa'? firmi un decreto
pe' fallo nomina donna onoraria:
aggiustate le cose in 'sta maniera,
je sfila la camicia e bona sera! —
L'idea fu bona: er Re tutto felice
je levò la camicia e se n' agnede.
— E adesso — disse doppo — vojo vede
la Principessa pe' sentì che dice.
Chissà che nun s'è fatta persuasa... —
E lesto e presto se n'agnede a casa.
Prima d'entraje in cammera chiamò:
nessuno je rispose; ebbe paura:
guardò dar bucio della serratura,
nun vidde gnente': aprì la porta... entrò...
Ma sì! Chiama de su, cerca de giù,
la Principessa Ali nun c'era più!
J'aveva fatta un'azzionaccia indegna
pe' via che s'era messa a fa' l'amore...
azzeccate co' chi?... cór servitore!
E lui j'aveva rotta la consegna:
j'aveva rotta la consegna e poi
er resto... immagginatevelo voi!
Er Re, piagnenno, se buttò sul letto
maledicenno er barbero destino,
quanno vidde sortì dar commodino
una spece de spirito folletto,
che più d'esse uno spirito era un coso
piccolo, secco, moscio e scivoloso.
Er Sovrano je chiese: — E tu chi sei?
— Io? so' l'Istinto de la Porcheria:
— je fece quello — e la Porchetta è mia
perché so' nato e morirò co' lei;
co' tutto che l'hai fatta Principessa
pe' conto mio rimane quella stessa.
E potrai scozzonalla infin che vôi,
la potrai ripulì quanto te pare,
la potrai mette puro su un artare
come se fusse un idolo, ma poi
viè sempre er giorno che ritorna a galla
la bestia, la Porchetta e la vassalla!
Pe' coprì certi istinti e certe cose
nun basta mica un abbito de raso... —
E ner di' questo se ficcò in un vaso
indove nun se tengheno le rose,
e svaporò per aria come fila
er fumé quanno sorte da una pila.



Questa poesia è stata letta 1578 volte