Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER SERRAJO: ER COMIZZIO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Un Leone rinchiuso in una gabbia,
in der vedé da un finestrino aperto
er celo e er mare, aripensò ar deserto
e ar tempo che sdrajato su la sabbia
liberamente, senza tante noje,
passava le giornate co' la moje.
E ripensò ar tramonto: quanno pare
che er sole, rosso rosso come er foco,
scivoli giù dar celo e a poco a poco
finisce che se smorza drento ar mare.
Pe' chi patisce de malinconia
questa è l'ora più peggio che ce sia!
— Ero libbero, allora! Ero felice!
— barbottava scocciato. — E mó bisogna
che stia rinchiuso e faccia la carogna
sotto le granfie d'una Domatrice,
che specula su tutto e che se serve
puro de la ferocia de le berve!
Se me volesse veramente bene
nun me farebbe fa' tante sciocchezze
a furia de bacetti, de carezze,
d'allisciamenti e de tant'artre scene!
La solita politica! D'artronne
questo è er vecchio sistema de le donne.
Er Domatore? È peggio! Io solamente
conosco la ferocia der cristiano
quanno m'insegna co' la frusta in mano
a sfonnà er cerchio e a salutà la gente:
«Oplà! Nerone! Un altro salto! Alé!...»
Bella maniera de trattà li Re!
Ho detto Re, purtroppo! ma oramai
m'accorgo che divento piano piano
sovrano come er popolo sovrano
che viceversa nun commanna mai.
Guai se nun faccio quer che vonno loro!
Guai se m'impunto! Guai se nun lavoro!
Tra l'antre cose ha scritto sur programma
che un giorno ho divorato un domatore!
No, nun è vero affatto! È un impostore!
Lo possino ammazzallo in braccio a mamma!
È 'na reclame che se fa 'sto micco
pe' venne più bijetti e fasse ricco.
E in questo nun ce sta la convenienza!
Fintanto che le fiere serviranno
a fa' guadagnà l'ommini, saranno
come le fiere... de beneficenza.
È un'infamia! un sopruso! una vergogna!
Bisogna fa' 'no sciopero, bisogna! —
Una Scimmia che intese 'sto discorso
je disse: — Ma perché nun fai in maniera
de fa' un complotto assieme a la Pantera,
a la Jena, a la Tigre, ar Lupo e all'Orso?
Perché nun cerchi de riavé la stima,
l'indipennenza che ciavevi prima?
Tu che sei Re, padrone d'un deserto,
co' quer nome che ciai, nun t'hai da mette
a fa' li giochi e a fa' le pirolette
come un artista de caffè-concerto,
come un vecchio pajaccio de mestiere...
Che speri? d'esse fatto cavajere?
No, amico, qui è questione d'amor propio;
finché 'ste buffonate le fo io
che so' una Scimmia, è er naturale mio:
vedo un omo, lo studio e lo ricopio;
lo ricopio e pe' questo so' sicura
de facce 'na bruttissima figura.
E lo stesso succede ar Pappagallo,
che ammalappena sente 'na parola
che dice un omo, je s'incastra in gola
e se spreme e se sforza pe' rifallo...
Discorre come lui, ma nun c'è ucello
più scocciante e più stupido de quello! —
E siccome la Scimmia, da la rabbia,
aveva arzato un po' de più la voce,
tutte quell'antre bestie più feroce
fecero capoccella da la gabbia:
— Bene! Brava! — strillaveno — Ha raggione!
Viva la libbertà! Morte ar padrone!
— Zitti! — disse er Leone che capiva
che quello era er momento più propizzio
pe' pijà la parola e fa' er comizzio —
È inutile che dite abbasso o evviva:
le ribbejone fatte co' li strilli
se rimetteno ar posto co' tre squilli.
Bisogna fa' sur serio e arivortasse
contro 'sto sfruttatore propotente!
E questo l'otterremo solamente
co' l'organizzazzione de la Classe:
ammalappena se saremo uniti
co' le bestie de tutti li partiti!
Ma prima ch'incominci la battaja,
se fra de voi ce fusse un animale
che pe' quarche raggione personale
vô restà sottomesso a 'sta canaja,
che se faccia escì er fiato, parli avanti,
senza che poi ciriòli come tanti —
Un Ciuccio, che ciaveva l'incombenza
de porta la carnaccia ner Serrajo,
capì er latino, e disse con un rajo
che aveva già perduta la pazzienza:
— Io — fece — sarò er primo a daje addosso!
Lo possino scannallo a mare rosso!
Io, doppo tutto, so' lavoratore,
fatico, soffro assai, ma quer bojaccia
come m'aricompensa? A carci in faccia!
In che modo me paga? cór tortore!
Poi m'ammazza e me scortica, pe' via
che fa er tamburo co' la pelle mia!
Defatti, certe sere, quanno sento
er rataplan che fanno li sordati,
ripenso a li somari scorticati
che so' serviti a tutto er reggimento...
Sarò pazziente, sì: ma nun sopporto
che me la soni puro doppo morto!
Per cui m'associo ne la ribbejone:
ma prima vojo avé la sicurezza
che me levate er basto e la capezza:
se qui se tratta de trovà un padrone
che me la crocchia come quelo vecchio,
resto co' questo e bona notte ar secchio! —
La Lupa disse: — E io ch'ho dato er latte
ar primo Re de Roma? È pe' via mia
se bene o male c'è la monarchia:
ma l'Omo, invece, quante me n'ha fatte?!
M'ha chiuso in gabbia e ha messo fòra er detto
che magno come un lupo! Ber rispetto!
Doveva avé un riguardo pe' la balia
der primo Re che fece Roma! E invece...
— Ma questo — disse l'Orso — nun fa spece!
Puro quelli che fecero l'Italia
mó campeno sonanno l'orghenetto
co' le ferite e le medaje in petto!
— Io, — disse allora er Cane — nu' lo nego,
je so' fedele, affezzionato... e come!
je so' amico davero! Ma siccome
me tratta come un cane, me ne frego
de pijamme li carci da 'st'ingrato!
M'arivorto pur'io! Mor'ammazzato!
— E farai bene! —j'arispose er Gatto —
Io che so' 'n animale indipennente
m'affezziono a la casa solamente,
ma no ar padrone che nu' stimo affatto;
o monarchico o prete o socialista,
l'Omo è stato e sarà sempre egoista.
— E io — disse la Tigre — ciò er dolore
che lui me paragoni e me confonna
er core mio cór core de la donna
ch'ammazza er fijo pe' sarvà l'onore!
So' una tigre, è verissimo, ma io
nun assassino mica er sangue mio!
— Nun posso fa' la rivoluzzionaria
perché so' la reggina de l'ucelli;
— strillò l'Aquila nera — io, come quelli
che stanno in arto e viveno per aria,
vedo le cose sempre tale e quale...
— Purtroppo! — disse l'Orso — Questo è er male!
In arto nun se sentono li lagni,
in arto nun se vedeno le pene,
da quel'artezza lì, tutto va bene!
Poveri e ricchi, tutti so' compagni!
Bisogna scegne pe' conosce a fonno
tutte le birbonate de 'sto monno!
— Che diavolo volete che m'importi
— barbottava la Jena clericale —
dell'Omo e der benessere sociale?
Io vivo solamente su li morti,
e a chi me dice: io soffro, j'arisponno
che la felicità sta all'antro monno. —
Un povero Majale ammaestrato,
che spesso entrava in gabbia cór Leone
pe' fa' convince er pubbrico cojone
ch'er Re de la Foresta era domato,
se fece escì un rumore da la gola,
domannò scusa e prese la parola:
— L'idea de 'st'uguajanza nun pô regge.
Voi direte ch'io pijo le difese
de la moderna società borghese
che me stima, m'ingrassa e me protegge,
e che, co' la scusante der preciutto,
permette che me ficchi da per tutto.
Nun è pe' questo. Io dico: se domani
viè ammessa l'uguajanza, diventate
tutti compagni, sì: ma nun pensate
ch'er cane vorrà vede tutti cani,
er sorcio vorrà vede tutti sorci,
e io, questo s'intenne, tutti porci!
— Io benedico l'Antenato mio
— fischiò er Serpente — che minchionò l'Omo
quanno je disse che magnanno er pomo
sarebbe diventato eguale a Dio.
L'Omo, sempre ambizzioso e interessato,
lo prese e ciarimase buggerato.
Ma lui che cià le scuse sempre pronte,
quanno Iddio, pe' punillo der peccato,
je disse che se fusse guadagnato
er pane cór sudore de la fronte,
fece l'occhietto e disse a la compagna:
«Se nun trovi chi suda nun se magna!»
Apposta c' è chi resta a bocca asciutta
e chi magna pe' quattro: ar proletario,
che suda assai, j'amanca er necessario,
mentre, invece, er padrone che lo sfrutta
senza sversà una goccia de sudore,
magna, fuma, s'intoppa e fa er signore.
— Questo è er vero peccato origginale!
— strillava er Coccodrillo socialista —
Morte a la borghesia capitalista!
Evviva la repubbrica sociale!
Evviva... — E chi lo sa ch'avrebbe detto
se nun se fusse inteso un orghenetto.
Era l'avvisatore che sonava
una marcia qualunque, solamente
pe' ridunà più pubbrico, e la gente,
chiamata dar motivo, c'imboccava.
— Zitti e a stasera! — disse la Pantera.
E tutti j'arisposero: — A stasera!



Questa poesia è stata letta 2166 volte