Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LE CANZONETTE DE SAN GIOVANNI

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Méttece San Giovanni, «Facciafresca»,
la spighetta, er garofeno coll'ajo,
er bacetto, le streghe, quarche sbajo,
e fai la canzonetta romanesca.

Doppo ce vô la musica: se pesca
uno che te combini quarche rajo
e fa 'na ninna-nanna cór ritajo
d'un pezzo d'una musica todesca.

Quanno le canti pare che te lagni,
e li maestri, doppo 'ste canzone,
diventeno più Verdi de... Mascagni.

Forse sarà che cianno poca pratica:
dipenne tutto da la vocazzione
de musicà li sbaji de grammatica!



Questa poesia è stata letta 995 volte