Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER SERRAJO: LA FINE DE LO SCIOPERO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Vojantri osserverete giustamente:
— Ma come?! Ner sentì 'ste cattiverie,
tutte 'st'infamie, tutte 'st'improperie,
er Domatore nun diceva gnente?
arimaneva lì come un cacchiaccio? —
E ch'aveva da fa' quer poveraccio?
Lui capiva ch'aveveno raggione,
je toccava abbozzà... Ma cór pensiero
cercava de fregalli. Tant'è vero
che, a un certo punto de la spiegazzione,
disse piano a la Moje: — Amica mia,
qui bisogna giocà de furberia.
Già me tengo un discorso preparato
dove ciò messo tutto: l'affarismo,
li sfruttatori der capitalismo,
co' la conquista der proletariato,
benessere sociale, Fratellanza,
Giustizzia, Libbertà, Fede, Uguajanza...
Co' un popolo de bestie come questo,
pe' minchionallo bene, è necessario
prima de tutto un bon vocabbolario,
un ber vocione e relativo gesto.
Basteno 'ste tre cose e so' sicuro
de rimettélli co' le spalle ar muro.
E appena avrò ripreso er sopravvento
pe' sottomette 'sta canaja infame,
la prima bestia che me dice: «ho fame»,
je do 'na schioppettata a tradimento.
Questo è er mezzo più semplice e più pratico
pe' conservà un governo democratico! —
Certo de la riuscita, er Domatore
sonò tre o quattro vorte la grancassa
pe' potè fa' più effetto su la massa,
se soffiò er naso e principiò a discore:
— No, così nun pô annà, popolo mio:
lo capisco benissimo pur'io!
Er cammino che fa la civiltà
s'impone a Papi, Imperatori e Re!
La borghesia precipita da sé,
spinta dar soffio de la Libbertà,
e se trova a combatte a tu per tu
co' l'ideale de la schiavitù!
Compagni! — Bene! Bravo! — strillò l'Orso.
— Mó dichi bene! — fece er Coccodrillo.
— Ah! meno male! Mó sto più tranquillo... —
barbottò l'Omo, e seguitò er discorso:
— Compagni! D'ora in poi ce vô un governo
più bono, più civile, più moderno.
Faremo una politica un po' mista
uguale a la politica italiana,
con una monarchia repubbricana
clerico-moderata-socialista:
così contento tutti e ar tempo istesso
resterò Re com'ero fino adesso.
In quanto poi ar benessere, ho studiato
er modo d'arisorve la questione:
pe' potè mijorà la condizzione
de la classe più povera, ho pensato
de faje un'ignezzione ogni matina:
e sapete co' che? co' la morfina.
La morfina è una cosa che fa bene
e intontonisce provisoriamente:
chi la pija va in estasi e se sente
come una cosa dórce ne le vene,
perché se scorda, tra la veja e er sonno,
le noje e le miserie de' sto monno.
Solo co' 'sto rimedio rivedremo
tutto color de rosa, tutto bello...
— Ma questo — strillò er Cane — è un macchiavello
pe' pijacce pe' 'r collo a quanti semo!
Tu cerchi d'imbrojacce, e te lo dico
pe' via che te conosco e te so' amico.
Pe' li mali ce vô la medicina,
ne convengo e la cosa è naturale;
ma propone un benessere sociale
a furia d'ignezzioni de morfina
significa provede a li bisogni
co' quello che se vede ne li sogni!
È un ber pezzetto ormai che ce riempi
la testa co' le solite parole!
È un ber pezzetto che prometti er Sole
ch'annunzia l'arba de li novi tempi...
Ma intanto annamo a letto senza cena:
antro che sole novo e luna piena!
Tu che sei furbo appoggi er socialismo
perché, fra transiggenti e intransiggenti,
noi se trovamo in mezzo a du' corenti
cór rischio d'abbuscasse un rumatismo.
Così tra 'no sbadijo e 'no stranuto
restamo buggerati senza sputo! —
Allora l'Omo disse: — Ma perché,
invece de discore tutti quanti,
nun nominate du' rappresentanti
de fiducia che parlino co' me?
Questa me pare l'unica maniera...
— Sì, sì, ha raggione, — disse la Pantera —
Nominamo du' membri fra de noi
che vadino a portà la condizzione:
io darebbe l'incarico ar Leone...
— Oh, in questo, — disse l'Omo — fate voi.
Co' l'uguajanza che ciavete adesso
o un Leone o un Majale fa l'istesso.
Perché sceje un Leone e no un Majale?
Se cominciate a fa' le preferenze
voi riammettete certe diferenze
e fate un'uguajanza disuguale;
anzi, per esse giusti, incaricate
le du' bestie più povere e affamate. —
E furono defatti er Porco e er Gatto
l'animali che c'ebbero l'onore
d'annà a discute assieme ar Domatore,
che fra de lui rideva come un matto
pe' via che tanto er Gatto ch'er Majale
lo chiamaveno amico personale.
— Colleghi, — poi je disse sottovoce —
io so' disposto a tutto, so' disposto,
basta che nun me fate perde er posto
e obbrigate le bestie più feroce
a rientra ne le gabbie... — E, caso mai,
— je domannò er Majale — che ce dài?
— Ecco: a te te prometto in segretezza
un bon impiego in una fattoria.
Lì potrai fa' qualunque porcheria
e ingrassatte framezzo a la monnezza.
Magnerai, beverai, farai l'amore...
Insomma, via! starai come un signore.
Riguardo ar Gatto je darò ogni giorno
una libbra de trippa e de pormone,
lo terrò a casa mia com'un padrone
che magna e beve e nun concrude un corno.
Così, séte contenti.' — Er Porco e er Gatto
risposero: — Va bene! Sarà fatto! —
E ritornorno in mezzo a li compagni
strillanno: — Alegri, amichi! Avemo vinto!
Finarmente er Padrone s'è convinto
ch'è necessario che la bestia magni!
Avemo vinto! D'ora in poi ciavrete
qualunque concessione chiederete.
Però badate: perché l'Omo ciabbia
tutta la carma pe' studià l'affare,
ve prega che finite le cagnare
e rientrate tranquilli ne la gabbia,
speranno sur bon senso speciarmente
de quelli der partito intransiggente. —
Le bestie ne convennero. Quarcuna
più sfiduciata nun voleva cede;
ma poi, credenno a quelli in bona fede,
rientrorno ne le gabbie una per una:
mentre ch'er Domatore soddisfatto
baciava er Porco e abbracciava er Gatto.



Questa poesia è stata letta 1206 volte