Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MACCHIAVELLO DE CERTE...

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Quann'è sur primo de la relazzione
la donna maritata nun connette:
scrive, viè a casa tua, se compromette,
e dice ch'er marito è un bonaccione.

Ma appena che je sfuma la passione
se fa seria, considera, arifrette...
E er marito? È un feroce ammazzasette
che gira co' lo stocco ner bastone.

Allora te fa er solito discorso:
— Te vojo tanto bene... me dispiace...
ma capirai... nun vojo avé rimorso... —

E, se nun pô attaccasse a 'sti rampini,
pe' fasse piantà subbito è capace
de ditte ch'ha bisogno de quatrini!



Questa poesia è stata letta 1379 volte