Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Re se fece un Diavolo de stoppa:
— Così, — pensò — se er popolo scontento
un giorno o l'antro pija er sopravvento
perché se stufa de tenemme in groppa,
je faccio vede er Diavolo, e l'Inferno
rinforzerà la base der Governo. —
Defatti, quanno c'era una sommossa,
er Re se presentava cór pupazzo
de dietro a le finestre der palazzo
illuminate da una luce rossa,
e er popolo scappava fra li strilli
come se avesse inteso li tre squilli.
Un giorno, un vecchio che sapeva er gioco,
volle aprì l'occhi a quela folla scema:
— Badate: — disse — un popolo che trema
davanti a un burattino vale poco... —
Ma fu schiaffato subbito in priggione
perché nun rispettò l'istituzzione.



Questa poesia è stata letta 1663 volte