Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ecco come annò er fatto. Sur programma
der teatrino de li burattini
c'era stampato er titolo d'un dramma:
«Pistacchio quinto, Re de li Quatrini».
Ma, sur più bello ch'er burattinaro
principiava la recita, s'accorse
ch'er pennacchio der Re nun c'era più.
Cerca de qua e de là,
cerca de su e de giù
fintanto che ricorse a un macchiavello.
E er macchiavello fu
de fa' intravede un pezzo de vestiario
dietro le quinte, in fonno a lo scenario,
come se Re Pistacchio fusse quello.
E defatti la recita annò bene.
Er primo a comparì fu Pantalone
che stava fra li tribboli e le pene;
er pubbrico se mosse a compassione,
ma er Re rimase sempre fra le scene.
Poi venne Stentarello tra du' Fate:
— Questa — disse — è la Scenza e questa è l'Arte
ch'hanno bisogno d'esse incoraggiate... —
Ma er Re rimase sempre da una parte.
Er seconn'atto pure piacque assai:
prima ce fu la guerra co' li Mori
e er Re nun uscì mai,
ma poi ce fu la pace e er Re, contento,
rimase sempre drento.
Quanno l'eroi de le battaje vinte
fecero la sfilata trionfale,
er popolo strillò: — Viva Pistacchio! —
Sperava forse de vedé er pennacchio,
ma er Re rimase sempre fra le quinte.
Tanto che l'impresario
calò er sipario, e disse: — Un Re prudente
è sempre un personaggio necessario
puro ner caso che nun serva a gnente.



Questa poesia è stata letta 1144 volte