Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un povero Villano,
mentre tajava er grano,
s'accorse che una Vipera agguattata
stava pe' daje un mozzico a la mano.
— Ah — dice — t'annisconni, brutta boja!
Ma se t'abbasta l'anima esci fòra:
te fo passà la voja
d'avvelena la gente che lavora!
— Eh sì! — je fece lei — Se dice presto!
Io, da che monno è monno,
non ho fatto che questo:
ho sempre mozzicato
cór dente avvelenato.
Pretenneressi che buttassi via
tutta la tradizzione d'un passato
ch'è er solo scopo de la vita mia?
Io so' tutta d'un pezzo, capirai,
e nun aggisco come la ciriola
che s'arimagna sempre la parola
e s'è fatta la nomina che sai...
— Grazzie, ne faccio a meno:
— je disse l'Omo — l'opignoni tue
sèrveno solo a sparpajà er veleno;
sarai tutta d'un pezzo, lo capisco,
ma preferisco de spezzatte in due... —
E detto fatto la spaccò a metà.
E fu una botta propio necessaria,
che d'allora la Vipera fu vista
cór pezzo de la coda riformista
e la capoccia rivoluzzionaria.



Questa poesia è stata letta 1382 volte