Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Du' Sovrani alleati
fecero un pranzo a Corte
pe' festeggià l'unione fra du' popoli
che s'odiaveno a morte.

Ècchete che a l'arosto,
doppo avé fatto er solito saluto,
er Re invitato se sentì indisposto;
dice: — M'ha fatto male
quell'unico bicchiere ch'ho bevuto:
nun capisco perché, me s'è rimposto...
— Eh, sfido che je gira la capoccia!
— je disse uno der seguito — È successo
ch'er Ministro dell'Esteri j'ha messo
la birra e er vino ne l'istessa boccia
per augurà che puro li du' popoli
s'unìschino lo stesso...
— Ma la birra de Vienna,
cór vino de Frascati,
c'entra come li cavoli a merenna!
— je rispose er Sovrano — È un'alleanza
che fa male a la panza!
Finché scherzamo co' li sentimenti
potemo annà d'accordo in tutto quanto:
ma scherza co' lo stommico... Accidenti!
Me ne buggero tanto! —

Er Re s'arzò da tavola stranito,
poi, pe' fortuna, ritornò tranquillo:
e er pranzo, manco a dillo,
venne... restituito.



Questa poesia è stata letta 1130 volte