Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un Cavallo, parlanno cór Leone,
je disse: — Quanno fanno un monumento
per onorà l'Eroe d'una nazzione,
io sto per aria in cima ar basamento
e tu stai sempre giù pe' guarnizzione... —

Er Leone rispose: — E se domani
l'Eroe se scoccia e scegne da cavallo,
povero amico mio, come rimani?
chi te difenne da li ciarlatani
arampicati intorno ar piedistallo?



Questa poesia è stata letta 1257 volte