Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI MERCOLDÌ DE LA MARCHESA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Lei resta a casa una giornata sana
pe' riceve l'amiche conoscente:
un sacco de signore appartenente
a la più mejo società romana.

Dice ch'è un'abbitudine mondana
che le signore cianno espressamente
pe' potè parlà male de la gente
a un giorno fisso de la settimana.

E io che servo er tè ne sento tante!
Se quarchiduna tarda un momentino
è brutta, è chiacchierata, cià l'amante...

Robba da chiodi! E, invece, appena arriva...
Eh, 'sto gran mondo quanto è piccinino!
'Sta bona società quant'è cattiva!



Questa poesia è stata letta 1794 volte