Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LO SCIMMIOTTO MALINCONICO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Ho visto lo Scimmiotto ranguttano:
cià 'na bocca accusì, che pare un forno,
o magna o dorme, e resta tutt'er giorno
co' la testa appoggiata ne la mano
come pensasse a un sito più lontano,
lontano da la gente che cià intorno.

Forse, chissà?, je passa pe' la testa
l'ora tranquilla d'un tramonto d'oro,
cór sole che j'entrava de straforo
framezzo a li bambù de la foresta
mentre spurciava quarche scimmia onesta
come succede da le parte loro.

Forse je seccherà de fa' la mostra:
sarà scocciato d'esse messo in piazza
come rappresentante d'una razza
che s'avvicina tanto a quela nostra:
'st'affare l'avvilisce, e lo dimostra
perché se vede l'ommini s'incazza.

Oppure in quela bestia pensierosa
nun ce sarà che l'anima egoista
d'uno Scimmiotto che se mette in vista
co' la speranza d'arivà a una cosa...
C'è infatti un deputato socialista
che quanno pensa cià la stessa posa.



Questa poesia è stata letta 626 volte