Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er vecchio Mago aprì come un messale
indove da trent'anni ce scriveva
li fatti de la storia nazzionale.
— Guarda! — me fece — leggi! — E ner di' questo
s'innummidì la punta de le deta
pe' rivortà le paggine più presto.

Capii ch'annava lesto
perché cercava de nun famme vede
la robba reggistrata su li foji:
sbruffi, ambizzioni, imbroji,
diffidenze, egoismi, malafede...
— Richiudi er libbro e piantela, — je dissi —
perché so' cose che ce fanno torto... —
Ma er Mago rise e me guardò pe' storto
sotto li vetri de l'occhiali fissi,
come pe' dimme: — Aspetta!
che er bono ariva adesso
ne la facciata appresso... —
E m'insegnò cór deto ' ste parole
scritte con un inchiostro rilucente
che pareva er riverbero der sole:
«Doppo tant'anni, l'Aquila romana,
che stava chiusa in fonno d'una tana
fra l'oche che cascaveno dar sonno,
libberata dar popolo, risòrte,
spalanca l'ale, vola, e dice ar monno:
l'Italia sarà granne e sarà forte
a dispetto de quelli che nun vonno!»

— Granne e forte! Benissimo! — strillai
Però, pe' fa' piacere
a quarche bon amico forastiere,
ce manca una parola... e tu la sai... —

Er Mago, ch'era un omo inteliggente,
magnò la foja, ripijò la penna
e scrisse: «...e strafottente!».



Questa poesia è stata letta 1356 volte