Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La Verità, che stava in fonno ar pozzo,
una vorta strillò: — Correte, gente,
ché l'acqua m'è arivata ar gargarozzo! —
La folla corse subbito
co' le corde e le scale: ma un Pretozzo
trovò ch'era un affare sconveniente.
— Prima de falla uscì, — dice — bisogna
che je mettemo quarche cosa addosso
perché senza camicia è 'na vergogna!
Coprìmola un po' tutti: io, come prete,
je posso da' er treppizzi; ar resto poi
ce penserete voi...

— M'associo volentieri a la proposta:
— disse un Ministro ch'approvò l'idea —
pe' conto mio je cedo la livrea
che Dio lo sa l'inchini che me costa;
ma ormai solo la giacca
è l'abbito ch'attacca... —
Bastò la mossa: ognuno,
chi più chi meno, je buttò una cosa
pe' vedé de coprilla un po' per uno;
e er pozzo in un baleno se riempì:
da la camicia bianca d'una spòsa
a la corvatta rossa d'un tribbuno,
da un fracche aristocratico a un cheppì.

Passata 'na mezz'ora,
la Verità, che s'era già vestita,
s'arrampicò a la corda e sortì fòra;
sortì fòra e cantò: — Fior de cicuta,
ner modo che m'avete combinata
purtroppo nun sarò riconosciuta!



Questa poesia è stata letta 3048 volte