Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA SIGNORA INFILANTROPICA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Chi? la marchesa? Oh, in quanto a furberia!
Se c'è er marito, quanno monta in legno
me dice: — Presto, Checco: ciò un impegno
cór Soccorso e Lavoro... Tira via!

Addio, Pietruccio... — Addio, cocchetta mia... —
E, appena lui se vorta, me fa segno
che vadi de cariera da quer fregno
che cià er villino fôr de Porta Pia.

Tiè sempre li Bambini indeficenti, er Pro-scôla, er Pro-infanzia, er Pro-vecchiaja...
Ma nun da' retta: tutti appuntamenti!

E spesso, quanno fa quarche scappata
da quer vecchio bavoso che ce scaja,
lo sai che cià? L'Infanzia abbandonata!



Questa poesia è stata letta 951 volte