Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Je vojo bene, povera bestiola:
è la compagna de la vita mia,
perché da quanno Nina è annata via
nun me rimane che 'sta Gatta sola...
Ecco che zompa su la scrivania!
Guarda se nu' j'amanca la parola!

Quanno che sto scrivenno quarche cosa
me viè cór muso in faccia e se strofina
con una mossa tanto mai smorfiosa
ch'avressi da vedé quant'è carina!
Spesso je dico: — Come sei nojosa!
Adesso basta! Vattene in cucina! —

Ma lei rimedia subbito, rimedia:
in mancanza der viso der padrone
ripete la medesima commedia
addosso ar tavolino, ar credenzone,
magara cór pirolo d' una sedia...
Però... che bella cosa l'affezione!



Questa poesia è stata letta 1324 volte