Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una vorta un Banchiere amico mio
vidde le casse-forte tanto piene
che disse a l'azzionisti: — È annata bene:
bisognerà che ringrazziamo Iddio.
Tantoppiù che la fede è necessaria
ne l'azzienda bancaria.
Anzi, su questo, — dice — ciò l'idea
de stabbilì una spesa
pe' rifà la facciata d'una Chiesa
e ripulì l'interno a 'na Moschea.

Davanti a l'interesse e a li guadagni
er Vangelo o er Corano so' compagni:
fintanto che ce cresce er capitale
ce sia Cristo o Maometto è tale e quale:
credo in Dio-Padre-Onnipotente, ma...
un pochettino credo pure a Allàh! —

E soddisfatto disse un'orazzione
mezzo in ginocchio e mezzo a pecorone.



Questa poesia è stata letta 2575 volte