Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Mentre un Gatto dormiva in un cantone
un Sorcetto lo vidde e scappò via,
e appena s'accertò che la distanza
era granne abbastanza
je disse: — Addio, puzzone! —

Naturarmente, quello,
saputo come staveno le cose,
l' agnede a trova a casa e je propose
una sfida ar duello.
Ma er Sorcetto, che s'era già anniscosto
nun ve dico in che posto, j'arispose:

— Doppo ch'hai massacrato Dio sa come
mi' padre e mi' sorella,
che, come Sorca, s'era fatta un nome,
vôi puro scanna a me? Sarebbe bella!
È inutile che fai l'ammazzasette,
ch'io nun accetto sfide, in generale,
perché er principio nun me lo permette:
eppoi benanche me facessi a fette
resteressi un puzzone tale e quale.



Questa poesia è stata letta 3822 volte