Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ho da strazziamme l'animaccia mia?
Ma prima de sta' sotto a 'sti scontenti
vado a fa' la cicoria co' li denti:
io fa' la serva a quelli? Passa via!

Qualunque cosa nun so' mai contenti:
io rubbo, io fo la cresta, io fo la spia,
e io nun so stirà la biancheria,
e io nun so pulì li pavimenti...

Se er fijo parla male... eh, se capisce:
— So' parole che sente da la donna. —
Fa er vassallo? — È Maria che l'imbirbisce. —

Già, è corpa mia se gioveddì matina
pijò l'interoclismo de la nonna
pe' fa' er bar utomatico in cucina!



Questa poesia è stata letta 924 volte