Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

In una fattoria c'era un Majale
così sentimentale
che nun pensava che a le cose belle:
o odorava le rose,
o guardava le stelle,
o sospirava, a modo suo, s'intenne,
se vedeva passà le colombelle;
fu propio pe' 'sto fatto che je venne
l'idea de fasse amica una de quelle.

E defatti, una sera,
la chiamò, la fermò. Dice: — Scusate,
volemo inaugurà la primavera?
Ve porterò lontano,
laggiù, laggiù, sull'orlo der pantano
framezzo a le ranocchie innammorate.
V'aspetto? ce verrete? — Ce verrò. —

Come agnede a finì l'appuntamento
nun se n'accorse che la luna piena
che illuminò la scena
con un razzo d' argento...

Ma la matina appresso, ammalappena
ce se vidde un pochetto,
la Colombella volle torna a casa
più che de prescia, pe' nun da' sospetto
a la gente maligna e ficcanasa.
Però la vidde er Gallo. — Ah, brava! — fece —
Ciai le penne infangate... E ch'è successo?
Ritorni a casa adesso? Me fa spece!
Eppoi t'ho vista uscì da un certo sito...
Qui, commarella mia, gatta ce cova!
Se nun sia mai te trova tu' marito...

— Io ciò er diritto d'esse rispettata!
— rispose lei — L'onore è sacrosanto!
Che te ne preme, a te, dove so' stata?
So' sempre una Colomba e me ne vanto!
— Ah, certo: — fece er Gallo — ma nun tanto
quanto la fama che te sei scroccata!



Questa poesia è stata letta 3156 volte