Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Li sogni quasi sempre so' compagni
a certe idee politiche che nascheno
seconno de li generi che magni.
Io, presempio, ciò fatto osservazzione:
quanno me fanno er baccalà in guazzetto
la notte ciò una spece d'oppressione
che me nìzzico e nàzzico p' el letto:
e m'insogno le cose
più brutte e più noiose...

L'antra sera, defatti,
che ne magnai tre piatti,
me parse de vede che Nina mia
giocava a acchiapparella in mezzo a un prato
con un tenente de cavalleria.
Apersi l'occhi subbito e pensai:
— Che brutto sogno! Forse sarà stato
er baccalà in guazzetto ch'ho magnato...
Nina, 'ste cose qui, nu' le fa mai... —
Ma disgrazziatamente,
quela stessa matina,
vado ar Pincio, e chi trovo? trovo Nina
a spasso cór medesimo tenente!
Ch'avrebbe fatto un antro ar posto mio?
Se sarebbe arabbiato! Cicche e ciacche!
Du sganassoni e... addio!

Io, invece, chiusi l'occhi cór bisogno
de crede ch'era un sogno,
e dissi: — Sarà stato
er baccalà in guazzetto ch'ho magnato...



Questa poesia è stata letta 2405 volte