Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Anniscosto tra er verde d'una villa
c'è un bel laghetto, quieto com'un ojo,
coll'acqua chiara, limpida e tranquilla
che cola a gocce a gocce da uno scojo
ch'hai d'appizzà l'orecchie pe' sentilla.

El lago è basso, e chi ce guarda drento
vede che er fonno è tutto conformato
de brecciole che pareno d'argento,
framezzo ar vellutello
fresco, pulito e bello.

Io che ce vado spesso e volentieri
me sdrajo su la riva e guardo l'acqua
che me risciacqua tutti li pensieri;
ma giusto l'antro jeri,
guardanno mejo er fonno, feci caso
che c'era un certo vaso...
un certo vaso tonno che nun dico
sennò quarcuno aggriccerebbe er naso.
— Ah! — dissi — che peccato!
Chi ce l'avrà buttato?
E che dirà la gente
quanno vedrà quer coso arivortato?
Se scandalizzerà sicuramente. —

E allora, piano piano,
con una canna che ciavevo in mano,
feci in maniera de cacciallo fòra:
fregai l'orbo mezz'ora
fra li sassi e le piante:
e smòvi e scava e spigni, finarmente
lo tirai su, glorioso e trionfante!

Ma nun ve dico quanto feci male;
perché quell'acqua, tanto mai pulita,
smossa che fu, rimase intorbidita
che pareva un pantano generale.
Così succede spesso ne la vita
a la gente che sarva la morale.



Questa poesia è stata letta 2725 volte