Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una vorta un Piccione disse ar fijo:
— Prima che lassi er nido e voli via,
bisogna che te dia quarche consijo.
Sta' attent'all'omo! Te farà la caccia
perché è un bojaccia: ma, se tu je tocchi
la corda più sensibbile der core,
je vèngheno le lagrime nell'occhi.
Percui, quanno te pija,
dije che ciai tu' moje che t'aspetta...
Lui nun t'ammazzerà, perché rispetta
l'affetti de famija.
Se questo nun fa effetto, je dirai
che, facenno er piccione viaggiatore,
potrai sarvà la Patria da li guai;
davanti ar patriottismo
s'intenerisce e piagne,
ripensa a le campagne,
te mette in libbertà.
Se nun j'abbasta, di' che sei parente
de lo Spirito Santo, ch'è un piccione:
solo ar pensiero de la religgione
nun te cucinerà sicuramente...
Ma bada ch'abbia fatto colazzione!



Questa poesia è stata letta 3678 volte