Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Fu l'antra notte che un signore sbronzo
ritornò a casa, se guardò a lo specchio,
s'accorse ch'era vecchio e s'affissò.
— Macché, — diceva — quello nun so' io!
Quello dev'esse povero mi' nonno
ch'è ritornato ar monno...
Povero nonno mio!
Perché sei ricicciato a l'improviso?
T'eri forse stufato de la gioja
der santo Paradiso?
Capisco che er mestiere der beato
dev'esse una gran noja!
Passà tutta la vita fra le nuvole
senza concrude gnente tutt'er giorno,
cór Cherubbino che te sona l'orgheno,
cór Serafino che te vola intorno...
Ritrovasse davanti
sempre le stesse Vergini!
sempre li stessi Santi!
La pace eterna, speciarmente in oggi,
è la pace più giusta che ce sia,
perché la fece Iddio senza l'appoggi
de la dipromazzia;
ma una pace che dura
pe' mijara de secoli, a la fine
dev'esse una gran bella scocciatura! —

Qui, l'intoppato singhiozzò più forte,
sbuffò tre vorte e poi ricominciò:
— E a me come me trovi? bene assai?
Infatti c'è ogni tanto quarchiduno
che me ferma e me dice: «E come fai
che nun t'invecchi mai?
Ma de che classe sei? der settantuno?»
E m'incomincia a fa' li conti addosso,
me chiede premuroso come sto...
«Eh! — dico io — m'ajuto come posso.»
E pe' fallo contento
m'invento quarche male che nun ciò.

Nonnetto caro, nun te crede mica
che la gente sia bona e sia sincera
com'era quella antica...
Adesso nun se pensa che ar guadagno,
er monno è diventato una bottega;
ognuno cerca de fregà er collega,
ognuno cerca de fregà er compagno.
L'unico abbraccio vero che cià unito,
doppo la guerra, sai ch'è stato? Er ballo:
ch'è una spece de quello de San Vito.
Se vedi er cavajere quant'è bello
quanno fa li passetti der cavallo,
dell'orso, de la scimmia e der cammello!
So' finiti li tempi d'una vorta
quanno che se faceva er minuetto;
er ballo d'oggi è un ballo che te porta
direttamente in cammera da letto.
Defatti, doppo un giro de fox-trotte,
le coccotte diventeno signore,
le signore diventeno coccotte…



Questa poesia è stata letta 1591 volte