Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Broccolo è un omo tanto origginale
che s'è rinchiuso in una catapecchia
con un gatto, una pippa e un ideale,
e assieme a tutt'e tre vive e s'invecchia.

L'ideale de Broccolo consiste
in una donna bionna, tanto bella,
che cià un difetto solo: nun esiste.
Però, de tante femmine ch'ha viste,
nu' je piace che quella.

Se la fece a vent'anni, da lui stesso,
la chiamò Boccadoro, e da quer giorno
je gira sempre intorno e je va appresso.
E spesso, quanno fuma
ne la pippa de schiuma,
chiude l'occhi, s'appennica e je pare
de vede Boccadoro che se perde
ner verde d'una villa, in riva ar mare...
Se quarche amico o quarche conoscente
je dice: — Pija moje... —j'arisponne:
— O Boccadoro o gnente!
Pe' me nun c'è che quella. L'antre donne
me so' rimaste tutte indiferente! —

L'unica, infatti, che ce va per casa,
è una servetta storta, mezza gobba,
che je spiccia la robba e sficcanasa.
Lui nu' la guarda mai, ma in prima sera,
quanno da la finestra mezza chiusa
entra una luce debbole e confusa
che mette tutto sotto un'ombra nera,
la vede meno brutta e quarche vorta
je pare meno gobba e meno storta.
E col lavoro de la fantasia
s'immaggina che sia
propio lei, Boccadoro, che je dice:
— L'omo che bacerà la bocca mia
sarai tu, sarai tu, vivi felice! —
Allora ce sospira, e piano piano
allunga er braccio e attasta co' la mano
come cercasse ne l'oscurità...
Così, povero Broccolo, conserva
tutto l'amore suo per l'Ideale...
Ma intanto dà li pizzichi a la serva
e forse un giorno se la sposerà.



Questa poesia è stata letta 2232 volte