Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

È morto er Gatto. Accanto
c'è la povera vedova: una Gatta
che se strugge dar pianto;
e pensa: — Pe' stasera
me ce vorrà la collarina nera,
che me s'adatta tanto! —

Frattanto la soffitta
s'empie de bestie e ognuna fa in maniera
de consolà la vedovella affritta.
— Via, sóra spósa! Fateve coraggio:
su, nun piagnete più, ché ve fa male...
Ma com'è stato? — Ieri, pe' le scale,
mentre magnava un pezzo de formaggio:
nemmanco se n'è accorto,
nun ha capito gnente...
— E già: naturarmente,
come viveva è morto.
— E quanno c'è er trasporto?
— chiede un Mastino — Io stesso
je vojo venì appresso.

Era una bestia bona come er pane:
co' tutto che sapevo ch'era un gatto
cercavo de trattallo come un cane;
che brutta fine ha fatto! —
E dice fra de sé:
— È mejo a lui ch'a me.
— Ah, zitti! — strilla un Sorcio — Nun ve dico
tutto lo strazzio mio!
Povero Micio! M'era tanto amico! —
E intanto pensa: — Ringrazziamo Iddio! —

L'Oca, er Piccione e er Gallo,
a nome de le bestie der cortile,
Si dice a qualsiasi donna della quale s'ignori il nome.
j'hanno portato un crisantemo giallo.
— Che pensiero gentile!
— je fa la Gatta — Grazzie a tutti quanti. —
E mentre l'accompagna
barbotta: — Che migragna!
Un crisantemo in tanti! —
Poi resta sola e sente
la vocetta d'un Micio
che sgnavola e fa er cicio...
— Questo dev'esse lui! — dice la Gatta:
e se guarda in un secchio
che je serve da specchio...
In fonno, è soddisfatta.



Questa poesia è stata letta 1182 volte