Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA RISATA DE LA DUCHESSA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Lei ce pretenne pe' li denti bianchi:
apposta quanno parla co' quarcuno
sbotta certe risate, sarvognuno,
da méttese le mano su li fianchi!

Ride... ma badi a lei che nu' la sbianchi:
perché finora nu' lo sa nessuno
che l'ha pagati trenta lire l'uno,
che la dentiera costa mille franchi!

Ma l'ho scoperta io, che se la sciacqua
prima de pijà sonno! io l'ho scoperta
quanno la mette drento ar bicchier d'acqua!

E a me me fa 'st'effetto: certe sere
lei dorme, e la dentiera a bocca aperta
seguita a ride sola ner bicchiere...



Questa poesia è stata letta 1117 volte