Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

POLITICA E DIPROMAZZIA: RIUNIONE MONARCHICA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Er cavajer Briccocola ha proposto
de da' un banchetto ar vecchio presidente,
che siccome è onorario e nun fa gnente
rimane co' la carica in quer posto.

— Però — dice — vorrei ch'ogni aderente
me votasse la lista ch'ho composto,
ossia: spaghetti, fritto, abbacchio arosto,
e tutto quanto a un prezzo conveniente.

Infatti, tra er banchetto e tra la festa,
compreso er telegramma a li Sovrani,
verremo a spende dieci lire a testa.

Chi approva arzi la mano... — Ècchete che
se vedeno per aria cento mani...
— La proposta è approvata! Evviva er Re!



Questa poesia è stata letta 767 volte