Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

POLITICA E DIPROMAZZIA: RIUNIONE REPUBBRICANA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

È una sala un po' stretta: se la guardi,
pare la cammeretta d'un portiere:
c'è un tavolino, un gabbarè, un bicchiere,
e er quadro de Mazzini e Garibbardi.

Eppuro è propio lì che certe sere
se critica er Sovrano infino a tardi,
ma sempre co' li debbiti riguardi
cercanno de nun daje un dispiacere.

Lo stesso deputato, se ce prova,
in queli casi lì, dice e nun dice,
crede e nun crede, approva e nun approva...

E mentre pija tempo pe' decide
s'accorge che de dietro a la cornice
Mazzini pensa e Garibbardi ride...



Questa poesia è stata letta 912 volte