Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ELEZZIONI: LA PROPAGANDA NER COLLEGGIO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— E che me dà? ducento lire sole?
ducento lire? Pe' l'amor de Dio!
Costa più a me! J'ho fatto un lavorìo
che già ciavrò lograto un par de sôle.

E ho da trattà co' certe canajole
che, si sapesse, signorino mio...
Eppuro, vede? appena arivo io
convinco tutti quanti in du' parole.

Sarò teppista, sì, ma je so' amico
e cerco d'appoggiaje l'elezzione
perfino ne li posti che nun dico;

c'è infatti Nena, quella co' li nei,
ch'ogni notte se pianta sur cantone
e dice a tutti de votà pe' lei.

21 ottobre 1913

Questa poesia è stata letta 1865 volte