Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Se nun pagava sprofumatamente
te pensi che votava quarchiduno?
Nu' j'è tornato conto a fa' er tribbuno,
povero amico! Adesso se la sente!

E spenni e spanni, nu' lo sa nessuno
li voti ch'ha comprato! Solamente
quelli der Commitato Indipendente
je so' costati trenta lire l'uno!

Fra pranzi, sbruffi e spese elettorali,
c'è Pietro lo strozzino che cià in mano
quarantamila lire de cambiali!

Un'antra de 'ste sbiosse, bona notte!
La volontà der popolo sovrano
je costa cara quanto una coccotte!



Questa poesia è stata letta 2869 volte