Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA PURCIA AR BALLO A CORTE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— Jeri a sera so' stata ar ballo a Corte,
— disse la Purcia ar Ragno — e me so' messa
sotto a la vesta d'una principessa
che m'ha fatto ballà cinque o sei verte.

Che festa! Che spettacolo!
— E c'era gente? — Uh, quanta!
Nun so' rimasta sfranta
per un vero miracolo!

Ho pizzicato cinque o sei signore,
un ministro de Stato, un generale,
fintanto ch'ho trovato un bon canale
de dietro ar collo d'un ambasciatore.

Je so' zompata addosso
e ho succhiato, ho succhiato a più nun posso!
Crederne ch'è una gran soddisfazzione
de fa' gratta la schina a un pezzo grosso
che deve conserva la posizzione.

— E dimme un po': er Sovrano?
l'hai visto? ciai parlato? che t'ha detto?
nun t'ha stretto la mano?

Abbada che sei stata fortunata
d'annà fino a la Reggia! Certamente
c'è quarche amico o quarche conoscente
che te ciavrà portata...

Forse quarche monarchico... — Ar contrario!
Tre mesi fa, dall'oste qui vicino,
me so' anniscosta drento a un pedalino
d'un socialista rivoluzzionario;
tanto — ho detto fra me — verrà la vorta
che questo ce ripensa e me ce porta...

21 aprile 1913

Questa poesia è stata letta 623 volte