Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Un gruppo de Formiche,
doppo tanto lavoro,
doppo tante fatiche,
s'ereno fatte la casetta loro
all'ombra der grispigno e de l'ortiche:
una casetta commoda e sicura
incanalata drent'a una fessura.

Ècchete che un ber giorno
un Ragno de lì intorno,
che viveva in un bucio troppo stretto,
vidde la casa e ce pijò possesso
senza nemmanco chièdeje er permesso.

— Formiche mie, — je disse co' le bone —
quello che sta qui drento è tutto mio:
fateme largo e subbito! Er padrone
d'ora in avanti nun sarò che io;
però m'accorderò cór vostro Dio
e ve rispetterò la religgione. —

Ma allora una Formica de coraggio
incominciò a strillà: — Che propotenza!
Questo è un vero sopruso! Un brigantaggio!
Perché nun è né giusto né legale... —

Er Ragno disse: — Forse, a l'apparenza:
ma, in fonno, è 'na conquista coloniale.



Questa poesia è stata letta 999 volte