Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

UN VOLO DE RICOGNIZZIONE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Doppo un gran volo l'Aquila reale
s'incontrò co' la Lupa che je chiese:
— Che novità ce stanno ner paese?
Come l'hai ritrovato?... — Tale e quale:
un ber celo, un ber mare, e lo Stivale
co' le stesse osterie, le stesse chiese...

— Però, l'Italia, a quello ch'ho sentito,
è più forte e più granne... — Questo è vero,
ma l'Italiano s'è rimpiccolito:
alliscia er rosso e se strofina ar nero,
come se annasse in cerca d'un partito
fra er Padreterno e er Libbero Pensiero.

Nun c'è sincerità, nun c'è più stima:
l'ideale politico è un pretesto
pe' potè caccià via chi c'era prima;
qualunque tinta è bona: in quanto ar resto,
ognuno cerca d'arivà più presto,
ognuno cerca d'arivà più in cima.

Infatti la Cornacchia, vôi o nun vôi,
ammalappena ricacciò l'artiji
cercò l'appoggi e li trovò fra noi...
— È naturale: te ne meraviji?
Speravi tu che dar Settanta in poi
li preti nun facessero più fiji?

26 novembre 1913

Questa poesia è stata letta 971 volte