Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Fu un venerdì, pe' Pasqua Befania,
er sei gennaro der novantasei.
— No, Checchino, è impossibbile! Tu sei
troppo scocciante co' 'sta gelosia!

Nun se capimo più! — me disse lei —
Addio, Checchino... — E se n' agnede via.
Volevo dije: — Caterina mia,
viè qua, nun me lascià!... — Ma nun potei!

Tu nun me crederai: da quer momento
m'è arimasta una spina drento ar core:
è più d'un anno e ancora me la sento!

Ne la malinconia de li ricordi
naturarmente resta er primo amore...
Come diavolo vôi che me ne scordi?



Questa poesia è stata letta 3860 volte