Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Chi? Caterina? quale? quella mora?
E chi l'ha più rivista? Va cercanno!
Saranno ormai quattr'anni... Eh, sì, saranno
perché fu ar tempo che tornai da fòra;

anzi me pare bene che fu quanno
pijavo l'ojoduro: sissignora,
fu ner novantasei, fu propio allora:
sì, ner novantasei, propio in quell'anno!

L'urtimo appuntamento? Era de festa...
Già, la Befana, ché j'arigalai
un pettinino d'osso pe' la testa...

Me costò, credo bene, un trenta sòrdi...
Eh, so' quasi quattr'anni, capirai...
Come diavolo vôi che m'aricordi?...



Questa poesia è stata letta 2309 volte