Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L'AMANTE DE PRIMA E QUELLO D'ADESSO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Prima annava a trovà l'innammorata
sonanno la chitara allegramente,
eppoi montava, coraggiosamente,
su 'na scala de seta preparata.

Adesso, invece, è tutto diferente:
mó cosamo una donna maritata
senza chitara, senza serenata,
senza scala de seta, senza gnente.

Dev'esse propio granne l'affezzione
se je sonamo, senza fa' rumore,
er campanello elettrico ar portone.

E ammalappena che ce fa er segnale
se famo portà su da l'ascensore
mentre er marito scegne pe' le scale.



Questa poesia è stata letta 2079 volte