Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Come diavolo vôi che nun me cali?
Lui nun me cura più, commare mia,
pe' via de la politica e pe' via
che s'è affissato a legge li giornali.

Tiè sempre in mente la democrazzia,
tiè sempre in bocca l'anticlericali,
li preti, li principî, l'ideali,
Giordano Bruno e l'ossa de su' zia!

Ma un omo che vô bene veramente
nun cià d'avé 'ste cose pe' la testa,
ch'è tutta robba che nun serve a gnente.

Sennò, quanno ch'annamo ar Municipio,
che magno? li comizzi de protesta?
co' che m'empie la panza? cór principio?



Questa poesia è stata letta 1334 volte