Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ninnì vô li quatrini e guai se manchi!
Io puro, l'antra sera che ciannai,
pe' fa' breve er discorso, je lassai
un bijettone de cinquanta franchi.

Lei me chiese: — Te piacio?... — Oh, dico, assai!
Ciai cert'occhioni, certi denti bianchi...
Eppoi quer petto in fòra, queli fianchi...
accusi belli nu' l'ho visti mai!

— Eh, sì, me so' ingrassata: — fece lei —
da ottanta chili, doppo ch'ho sposato,
lo sai quanti ne peso? Ottantasei. —

Io, allora, feci un conto in generale
e dissi fra de me: — Tutto sommato,
quattro sòrdi a la libbra nun c'è male!



Questa poesia è stata letta 5824 volte