Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Per me, quanno una femmina è sicura
d'esse una donna onesta veramente,
benché je zompa addosso un propotente
lo fa sta' a posto come una cratura.

Incomincia cór métteje paura,
mozzica, sgraffia, strilla, chiama gente:
ma difenne l'onore solamente
cór mezzo che j'ha dato la natura.

Ch'ha fatto invece quella? L'ha ammazzato
gnentedemeno co' la rivoltella...
Eh! me pare un pochetto esaggerato!

Defatti, la marchesa sai che dice?
— Se in vita mia facessi come quella
me ce vorebbe la mitrajatrice!

5 giugno 1914

Questa poesia è stata letta 1038 volte