Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Se anticamente s'intoppava uno
er vino je sfogava in allegria,
faceva una cantata e annava via
senza rompe le scatole a nessuno.

Ma se s'intoppa adesso, mamma mia!
Cià sempre l'aria de scannà quarcuno:
strilla, biastima, ruga e fa er tribbuno
ch'è la cosa più brutta che ce sia.

Tutta corpa der vino. Mi' marito,
quanno che se pijava le tropee,
era addrittura er cocco der partito;

poi, co' la cosa de le convursioni,
lassò da beve, mijorò l'idee
e rassegnò le propie dimissioni.



Questa poesia è stata letta 3831 volte