Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ho letto spesso che la gente antica,
pe' conservà la donna casta e pura,
je metteva una spece de cintura
pe' sarvà l'onestà senza fatica.

Qualunque amante, ner lassà l'amica,
je la chiudeva co' la seratura...
Come una porta!... Che caricatura!
Che malfidati, Iddio li benedica!

Oggi che semo gente più morale
'ste cose nun succedeno, per via
che la femmina è onesta ar naturale.

Ma però, se ce fusse ancora 'st'uso,
come farebbe Mariettina mia
pe' ricordasse l'urtimo ch'ha chiuso?



Questa poesia è stata letta 3593 volte