Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Jersera er sor Cammillo, er mi' padrone,
quanno seppe ch'er Re s'era deciso
a nominallo conte a l'improviso,
s'è messo a piagne da la commozzione.

Poi cià riuniti tutti ner salone
e ha detto: — Ormai ce semo: ma v'avviso
in modo categorico e preciso
ch'io nun ciò nessunissima ambizzione.

Che, a parte la corona e la contea,
io, per voi, resto sempre er sor Cammillo
e, mi' moje, la sóra Dorotea.

Ma va con sé che da stasera stessa
me chiamerete er conte e, manc'a dillo,
la signora sarebbe la contessa...



Questa poesia è stata letta 1494 volte