Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Te ricordi, Marietta, quela sera
che se faceva a scopa unicamente
pe' potesse bacià libberamente
senza fa' insospettì la cammeriera?

E tu, ch'eri più furba e più prudente,
pe' fa' la parte come fosse vera,
spesso dicevi: — Faccio la primiera,
l'ori, le carte e tutto er rimanente. —

Ma appena scappò fòra er sette bello
la cammeriera, mezza insonnolita,
se squajò co' la scusa der fornello...

Fu allora che te presi pe' la vita
e, doppo un certo bacio scrocchiarello,
te dissi piano: — Ho vinto la partita!



Questa poesia è stata letta 1098 volte