Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Tu ce l'hai co' li vecchi e co' l'anziani
perché adesso sei giovene, s'intenne:
l'ucelletti che metteno le penne
vann'a beccà la coda a li gabbiani.

M'abbada a te, sia detto senz'offenne,
che quer ch'è oggi nun è più domani:
quanno t'invecchierai come arimani
se sei insurtato e nun te pôi difenne?

Presempio, l'antro giorno ho risaputo
che ner vede er sor Checco pe' le scale
j'hai dato, sottovoce, der cornuto.

Chiamà cornuto un omo de 'sta sorte!
Pensa che cià ottant'anni e, bene o male,
te potrebb'esse padre quattro vorte!



Questa poesia è stata letta 1199 volte