Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

No, nun me sposa; è inutile che piagna!
Che lui, dar primo giorno che m'ha vista,
m'ha detto ch'er partito socialista
j'ammette solamente la compagna.

Lui vorebbe sposamme a l'improvista
come fa er cane quanno vô la cagna,
come le bestie in mezzo a la campagna,
ma, come moje, è inutile ch'insista!

— Ner pijà a me — me dice lui — tu piji
un principio, un partito... — E in quanto a questo
nun ciò gnente in contrario... Ma li fiji?

Se un giorno, Dio ne guardi, mi' marito
me lassa scompagnata, io come resto?
Che dico? che so' fiji d'un partito?



Questa poesia è stata letta 926 volte