Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Da quanno l'ha piantato quel'arpia,
er conte è diventato così strano
che parla solo, tutt'er giorno sano,
come volesse fa' quarche pazzia.

Ogni tanto s'affissa e dice piano:
— Che me ne frega de la vita mia?
Ecco quanto la conto!... — E butta via
la sigheretta accesa che cià in mano.

Che scemo! Butta via le sigherette
pe' volé dimostrà che se n'impippa
e che la vita nu' la conta un ette!

Ma io, che fumo li mozzoni sui
e spesso me ce carico la pippa,
te credi che la conti più de lui?



Questa poesia è stata letta 5583 volte