Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

TRE STROZZINI: UN MACELLARO

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Fra li tanti strozzini,
che presteno quatrini
ar novanta per cento, c'è un amico
(er nome nu' lo dico)
che fa un doppio mestiere:
macellaro e banchiere.

Se faccia mejo questo o mejo quello
io nu' lo so davero e lui nemmanco:
der resto nun ce preme de sapello;
è banchiere ar macello
e macellaro ar banco.

Tutti l'affari sui li fa a bottega,
e da questo se spiega
come una vorta me scontò un effetto
mentre tajava un chilo de filetto.

Incominciò cór di': — So' tempi brutti
che va male per tutti:
ciò avuto già tre o quattro fregature
da persone per bene,
da persone sicure.

So' dolori! Credeteme! So' pene!...
V'abbasti a di' che ne la cassa-forte
ce stanno più cambiali che bajocchi.
Eppoi che firme! firme co' li fiocchi!

Principi... duchi... Pare un ballo a Corte!
Vengheno a piagne l'animaccia loro:
chi mille, chi dumila... E a la scadenza:
— Scusa, nun posso: aspetta... abbi pazzienza... —
E sempre 'sto lavoro!

Ma già l'ho detto a l'avvocato mio:
o fòra li quattrini o fate l'atti,
perché si nun rispetteno li patti
je fo er precetto quant'è vero Dio!

E voi? volévio? cinquecento tonne?
Va be', faremo cento per un mese...
So' troppe?... Eh, lo capisco, ma d'artronne
avete da pensà che ciò le spese... —

E così me contò cinquanta carte
da dieci lire l'una,
e ce lassò su ognuna
un'impronta de sangue da una parte...



Questa poesia è stata letta 1112 volte