Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

TRE STROZZINI: DON MICCHELE

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Don Micchele è un pretozzo
grasso, abbottato, con un sottogola
ch'ogni vorta che dice una parola
je fa su-e-giù sur collarino zozzo.

A le nove va in chiesa e dice messa,
da le dieci a le dodici confessa,
e a la sera santifica lo strozzo.

Lui nun guarda a l'idee de le persone
che cercheno quatrini,
ma vô le firme bone:
la mejo posta, infatti, è un frammassone
che fa l'avallo co' li tre puntini.

Però, quanno te sconta le cambiali,
cerca de datte sempre li consiji
religgiosi e morali,
tanto che li quatrini nu' li piji
se prima nun t'ha rotto li stivali.

— Te serveno bajocchi, fijo mio?
È già la terza vorta! Embè, sia fatta
la volontà d'Iddio!

Basta che nu' li spenni malamente:
ricordete de questo,
sennò nun te do gnente:
perché er primo dovere der cristiano
è quello d'esse bono e d'esse onesto.

E, dimme, quanto vôi? trecento lire?...
Già, capisco, sei giovene... Der resto
«semel in anno licet insanire».

Nun capisci er latino? Ah, male, male!
Be', — dice — allora... damme la cambiale. —
In un urtimo affare che ce feci,
m'aricorderò sempre che me dette
trenta carte da dieci.

Ereno trenta carte nôve nôve:
ma quanno apersi er pacco,
che puzzava un pochetto de tabbacco,
ne trovai solamente ventinove;

in più c'era un San Pietro
con un Credo de dietro e un'indurgenza
de trenta giorni, come la scadenza.



Questa poesia è stata letta 880 volte